Search
× Search
venerdì 2 dicembre 2022

News


La sanità nei programmi elettorali
Barbara Castellano

La sanità nei programmi elettorali

Lo scioglimento anticipato delle Camere ci ha proiettato, per la prima volta nella storia repubblicana, in una campagna elettorale estiva nella quale i programmi delle singole forze politiche sono stati veicolati soprattutto a mezzo social

Barbara Castellano, Relazioni Istituzionali della Sede nazionale

Il 25 settembre prossimo, per la prima volta nella storia repubblicana, saremo chiamati a votare per le politiche nazionali in un Parlamento che sconta il taglio di deputati e senatori e con una legge elettorale, il Rosatellum, che privilegia le coalizioni.

Lo scioglimento anticipato delle Camere ci ha proiettato in una campagna elettorale estiva nella quale i programmi delle singole forze politiche sono stati veicolati soprattutto a mezzo social: Facebook, Twitter, Instagram e persino Tik Tok (per raggiungere le generazioni che per la prima volta entreranno nella cabina elettorale) sono diventati i megafoni di partito, con i titoli dei giornali che inseguono le dichiarazioni e i comizi tra le piazze del Paese.

In questa campagna virtuale, però, un tema si è imposto più degli altri: il caro-energia, con gli inevitabili nodi da sciogliere rispetto al contesto internazionale, alla indipendenza energetica e alla diversificazione delle fonti di energia.

La sanità, insomma, è tornata ad occupare la seconda fila dei “temi caldi”, nonostante le lezioni date – e che avremmo dovuto imparare – dalla pandemia.

I temi sanitari, però, sono comunque presenti all’interno di ogni programma elettorale, per quanto declinati in maniera diversa.

Al loro interno rileviamo che solo tre partiti hanno esplicitamente parlato di rafforzare l’integrazione tra le componenti di diritto pubblico e di diritto privato del Servizio Sanitario Nazionale.

La Lega ritiene che pubblico e privato accreditato, se ben bilanciati dalla programmazione regionale, in un'ottica di complementarietà e gestione corretta delle risorse, possono fungere da catalizzatori per la sanità del futuro. Questo vale per le liste d’attesa, così come per gli investimenti in sanità.

Forza Italia ritiene che si possa giungere ad un miglioramento del livello di efficienza del sistema puntando su moderni percorsi di aziendalizzazione del soggetto pubblico e su una maggiore integrazione della componente pubblica e di quella privata.

Infine, anche Italia Viva ed Azione puntano su una più efficiente integrazione delle componenti sia in termini di finanziamento che di funzionamento, istituendo modalità più trasparenti nel differenziare servizi pubblici e privati in modo che questi possano collaborare in sinergia e integrarsi tra di loro.

In allegato, a cura della nostra società di consulenza, è possibile consultare un documento di sintesi dei programmi elettorali in sanità.

Previous Article Cittadini (Aiop): “Trattare la salute alla stregua di qualsiasi altro bene e servizio mina le fondamenta della nostra Costituzione”
Next Article Aiop partecipa all’Assemblea di Confindustria in Vaticano
Print
591
rubricaSPECIALE ELEZIONI

Documents to download

Comments are only visible to subscribers.

Cerca nelle news

Copyright 2022 by Aconet
Back To Top